venerdì 29 agosto 2014

Lucinda Riley - Il profumo della rosa di mezzanotte


Ciao!
Ho appena finito di leggere questo libro e vorrei raccontarvelo.
Questo libro mi ha conquistata già solo leggendo l'anteprima sul kobo, quindi ho deciso di comprarlo.
Il libro parla della storia di Anahita, donna indiana ormai centenaria, che il giorno del suo compleanno decide di affidare un compito al suo pronipote Ari: ritrovare Moh, il suo figlio perduto.
Tra tutti i suoi familiari, Anahita sceglie proprio Ari perchè trova sia quello che le assomigli di più, infatti l'unico parente ad aver ereditato da lei dei preziosi "poteri".
Anahita spiega ad Ari che, nonostante il certificato di morte dica il contrario, lei è convinta che in tutti questi anni suo figlio Moh non sia realmente morto come le vogliono far credere, ma è ancora vivo da qualche parte a Londra e lei desidera fargli sapere quanto lo ama.
Anahita, quindi, dona ad Ari un racconto che lei stessa ha iniziato a scrivere all'età di 50 anni che narra la storia della sua vita, convinta che questo documento potrà essere d'aiuto al nipote nelle ricerche di Moh.
Ari crede che la bisnonna, ormai molto anziana, sia un po' matta e quindi lascia da parte questo progetto, poi però quando inizia a leggere il racconto dentro di lui si accende la curiosità e decide di esaudire l'ultimo desiderio della bisnonna.

Questo libro l'ho trovato molto coinvolgente e per nulla scontato, è un perfetto mix di antico e moderno che ti farà stare sulle spine e non vedrai l'ora di leggere la prossima pagina.
Personalmente mi ha fatto molto sorridere leggere i rimedi ayurvedici degli anni '20, chissà se funzionano davvero :-)
Se hai voglia di un libro tutto sommato leggero (ma non sciocco) te lo consiglio vivamente, io ne sono stata particolarmente colpita.
Un bacio a tutti,
Silvia

Benvenuti!

Ciao a tutti!
Sono Silvia ed ecco il mio blog: vorrei parlare con voi di cucina, libri e cosmesi ecobio, le mie passioni!
A presto con le prime recensioni :-)
Silvia